Categorie

La lingua, come radice mobile

379559
Jenny Holzer, Inflammatory essays, 1979-82

Quale filo lega le donne coinvolte in Darps, nelle iniziative della fondazioneAmore per l’arte, da tutte le posizioni che ne costituiscono la costellazione.

Ma anche la lingua. Lingua materna, l’italiano, che è un’origine senza contenuti, senza destino. La lingua italiana è un filo – possibile, non predeterminato – che parla di diaspora, movimenti, emigrazioni.

E’ la cifra che ci segna, materiale, fisica, storica e culturale.La singolarità che segna il nostro inizio di esseri parlanti e ci accompagna nei nostri spostamenti.

La storia della lingua italiana è una storia di disidentificazione da un territorio nazionale.

E’ un filo che prende a rovescio lo spirito sovranista. Non è “prima gli italiani”. Piuttosto: a partire dalla lingua italiana. A partire,  per seguire tutti i movimenti di chi la parla.

Per altri versi, prende a rovescio l’egemonia del mondo anglofono. Come per la proposta dell’Italian Thought (Roberto Esposito), il vettore di traduzione non è Inglese -> italiano ma il contrario.

Non la traduzione e soggezione ai modelli dominanti, ma la desiderabilità per altri di quel che andiamo facendo.

La lingua come filo è prendere una lingua tra le lingue, il parlato, lo scritto e i linguaggi dell’arte e le altre lingue dei luoghi d’arrivo o di residenza temporanea.

Federica Giardini

 

 

 

 

 

 

Recommend
  • Facebook
  • Twitter
  • Google +
  • LinkedIN
Share
tagged in:
Leave a reply